Il primo obiettivo è quello d’imparare insieme l’ascolto della Natura, ma… un passo più in là, dall’ascolto si può arrivare ad un abbozzo di lettura del paesaggio, un’implementazione della capacità di discernere, di scomporre gli elementi del paesaggio naturale in piante, animali ed altri elementi, promuovendo l’espressività dei bambini in un’ottica di empowerment su tutte le attività proposte; attività senza aspettative programmate, quindi, che favoriscano la naturalezza dell’agire, la libertà di movimento, di pensiero e di reazione.

Ampio spazio in quest’ottica viene riservato all’immaginazione che qui si trova a “giocare in casa”: storie da inventare e antiche leggende legate agli alberi, a creature misteriose ed affascinanti che abitano in luoghi in cui la Terra sembra proseguire nel cielo, raccontate sedendo in cerchio presso l’acqua di risorgiva o vicino ad una quercia, per stimolare la fantasia dei bambini cercando di favorire la loro spinta creativa.

Il minimo comune denominatore rimane la condivisione gioiosa e comune di esperienze che i vari laboratori puntano a suscitare. Imparare a riconoscere un albero, un’impronta, un uccello, è imparare a conoscersi ed a riconoscersi come parte di un ambiente vasto e meraviglioso; imparare a conoscere un albero è crescere.

Scarica il catalogo in PDF