A qualunque età la Natura sa dare, sa rivelare, bisbigliare qualcosa di importante, di affascinante; anche il ragazzino o la ragazzina più distratti non potranno che zittirsi e spalancare la bocca davanti all’azzurro metallizzato che sfreccia a pelo d’acqua del Martin Pescatore…

L’offerta formativa per i ragazzi delle Secondarie di primo grado nei percorsi del Parco della Storga nasce tenendo conto delle potenziali abilità e competenze specifiche di questa età, sempre in un’atmosfera gioiosa e da uno spirito collaborativo fondamentali per la buona riuscita delle attività. Dunque abilità manuale, capacità di discernimento, di valutazione, di ascolto, di sintesi; capacità di collegamenti trasversali, utilizzando anche mezzi espressivi diversi quali la fotografia, il video, il disegno artistico per una più completa esplicitazione della propria espressività. Il mondo naturale è là fuori, ma le parole, le emozioni, le espressioni per descriverlo sono dentro a ciascuno ed i laboratori esperienziali, i percorsi lungo la Storga hanno anzitutto la funzione di collegare queste due realtà, fondendole insieme, così come l’acqua di risorgiva sembra fondersi alle fronde dei salici e degli ontani lungo le sponde.

È fondamentale stabilire, laboratorio per laboratorio, quale obiettivo specifico viene proposto, ad esempio, un monitoraggio della qualità delle acque attraverso la pesca dei macro-invertebrati, la composizione del bosco, il numero di specie di uccelli presenti, ecc. Alla fine del percorso prescelto, organico all’attività pratica, vi sarà sempre un fondamentale momento di sintesi del lavoro svolto, sia in termini scientifici, sia emozionali, da portare a casa con sé e riporre nel proprio tesoro personale.

Ci sarà inoltre spazio per l’aspetto mitologico, legato alla sfera dell’immaginario, declinato lungo i sentieri ombrosi di noccioli e acque sfavillanti, per non perdere il sapore del pensiero astratto, così utile per affrontare meglio le sfide della vita.

Scarica il catalogo in PDF